30 giugno 2022

to be Scarlett Johansson

 Questa ragazza bionda è bellissima, davvero. Stupenda. Bel viso, bel corpo. Supposto che non sia anche questo un fotomontaggio, eh.




ma con la faccia di Scarlett viene meglio. Perché?



Operazione Scaricabarile Riprende

 Riparte "Progetto scaricabarile"


- rileggere vecchi fumetti e poi consegnarli alla casetta del book crossing -

Oggi ho riletto un maxi Dampyr del 2009

Il signore delle vespe
Un antico vaso trafugato da un soldato inglese viene venduto a un asta e provano ad accapararselo in tre: in erede del soldato che lo rubo', la mafia cinese (non si capisce perché) è un monaco shaolin che deve rientrare in possesso perché contiene l'anima di un antico demone.
Storia con un paio di imprecisioni, si capisce perché sia finita su un maxi.

Il segreto del bosco magico.
Qui NON si capisce perché sia finto sul maxi. Storia ambientata in Italia: nel bosco di Bomarzo, dove l'omonimo parco rinascimentale è in realtà il luogo adatto per un rito alchemico

Ombre nella giungla.
In modo un po' contorto un vampiro attira Harlan nella giungla brasiliana per compiere un suicidio di massa per il quale ha bisogno proprio di Harlan

Due storie su tre di non livello.
Albo leggermente rovinato all'acquisto, oggi gli ho invontariamente stropicciato la parte bassa della copertina.
Ma visto che cih se lo piglia, lo piglia gratis, se ne faccia una ragione

27 giugno 2022

Fratelli D'Italia - mondiali di NUOTO 2022 - Budapest

 Non poteva mancare, seppur con un po' di ritardo, il consueto resoconto della kermesse natatoria.

Quest'anno l'onda azzurra si presentava senza la "diva" Pellegrini (che i giornalisti rai non hanno mancato di nominare ogni due per tre) eppure, la competizione si è risolta con una scorpacciata di medaglie non indifferente. Come dire: c'è vita dopo Federica.




Qui di seguito, con l'aiuto di Repubblica.it vi riporto il riassunto delle medaglie vinte nel nuot di vasca. Acque libere, sincronizzato e tuffi non li seguo, ma sicuramente sono tutti bravissimi.

Staffetta 4x100 stile di bronzo

La prima medaglia dell'Italia ai Mondiali di nuoto di Budapest 2022 è il bronzo della staffetta 4x100 stile libero composta da Alessandro Miressi, Thomas Ceccon, Lorenzo Zazzeri Manuel Frigo. Prima di loro hanno toccato il bordovasca Usa e Australia.


Martinenghi, oro nei 100 rana

È l'impresa di Nicolò Martinenghi ad aprire la casella degli ori del medagliere azzurro dell'Italia. Oro nei 100 rana in 58"26 (record italiano) davanti all'olandese Arno Kamminga e allo statunitense Nic Fink.


Thomas Ceccon, oro nei 100 dorso col record del mondo

Ha tutto per diventare l'uomo dei Mondiali di Budapest 2022, Thomas Ceccon, a partire dai suoi baffi. Il 21enne ha vinto i 100 dorso fermando il cronometro a 51''60: record del mondo.


Benedetta Pilato, ragazza d'oro nei 100 rana a 17 anni

A soli 17 anni Benedetta Pilato ha vinto l'oro nei 100 rana. La tarantina ha riscattato la squalifica alle Olimpiadi di Tokyo nuotando più veloce della tedesca Anna Elendt e alla lituana Ruta Meilutyte. L'ex baby prodigio, ora lo scettro è di Benedetta.


Martinenghi ancora sul podio: argento nei 50 rana

Dopo l'oro nei 100, è scatenato Nicolò MartinenghiNei 50 rana vince l'argento: tra lui e la doppietta l'americano Fink, che lo ha preceduto di soli tre centesimi.


Simona Quadarella bronzo negli 800

Riscatto servito per Simona Quadarella: dopo il quinto posto nei 1500 la 23enne romana si prende con grande voglia la medaglia di bronzo negli 800 stile libero. Ottima gara per l'azzurra (8'19"00) che nel finale sfiora anche la rimonta per l'argento, al collo dell'australiana Kiah Melverton per poco più di 2 decimi (8"18"77). Medaglia d'oro mai in discussione: vince il titolo mondiale l'americana Katie Ledecky in 8'08"04.


Pilato d'argento nei 50 rana

E' d'argento la rana di Benedetta Pilato. La 17enne di Taranto, campionessa mondiale sui 100 rana e detentrice del record mondiale sulla singola vasca, ha toccato in 29"80: un decimo in più della medaglia d'oro, la lituana Ruta Meilutyte, 29"70. Medaglia di bronzo alla sudafricana Lara van Nierk (29"90).


Paltrinieri, oro e record europeo nei 1500 sl

Riscatto di Gregorio Paltrinieri. Dopo il 4° posto negli 800, l'azzurro si prende l'oro nei 1500 sl stabilendo in 14'32"80 il nuovo primato europeo. Alle sue spalle lo statunitense Robert Finke (14'36"70) e il tedesco Florian Wellbrock (14'36"94). Per Paltrinieri è il quarto titolo mondiale in carriera, il terzo nella sua distanza prediletta che nel 2016 gli ha anche regalato il titolo olimpico.


La staffetta 4x100 mista sul tetto del mondo

Italia sul tetto del mondo nella staffetta 4x100 mista maschile. Gli azzurri Thomas Ceccon, Nicolò Martinenghi, Federico Burdisso e Alessandro Miressi chiudono in 3'27"51, nuovo primato europeo. Argento agli Stati Uniti (3'27"79) e bronzo alla Gran Bretagna (3'31"31). Per l'Italia è il quinto oro nel nuoto ai campionati del mondo.

09 giugno 2022

il tenerone

 

pippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippopippo


25 maggio 2022

i miei ragguardevoli festeggiamenti degli scudetti del Milan

festeggiando lo scudetto di quest'anno, mi è venuto così alla mente un nostalgico escursus su come ho festeggiato gli altri trionfi in campionato. 


2022: ho visto la partita a casa mia con cognato, nipotino e cugino del cognato. Sala addobbata di rossonero, dopo la vittoria doveroso giro in centro. Mio nipote (ad oggi 7 anni) ha passato il tempo a suona una trombetta che gli era stata fornita. Un paio di ore di "pee pee pee" continui.

2011: partita vista insieme a due amici e al fratello e nipote di uno di loro in un pub (vecchio e malandato), con susseguente giro in centro Milano. Walk of Trumph da p.ta Venezia al Duomo and back. Sventolai una bandiera comprata apposta per l'evento la settimana prima. Mi trovavo a Milano e decisi, contro ogni scaramanzia, di acquistarne una nuova da una bancarella. Quel pomeriggio partecipai alla presentazione di un libro e all'uscita scoprii che l'Inter aveva ribaltato la partita che stava perdento (col Cesena?) all'ultimo minuto. Se non fosse successo il Milan avrebbe vinto lo scudetto senza giocare... e senza che io me ne accorgessi.

2004: i miei amici di allora non tifavano Milan (solo uno, ma eravamo un po' in rotta nei rapporti) ed erano impegnati in un evento organizzato da uno di essi di cui a me fregava nulla. Rimasi a casa a guardare le partite e festeggiare "privatamente"

1999: con alcuni amici andammo a vedere Perugia-Milan trasmesso all'Arena di Milano su maxischermo. Per colpa del riflesso del sole non si vedeva nulla. Per cui quando qualcuno esultava, esultavamo tutti. In serata, con un altro amico, salto in Duomo per partecipare ai festeggiamenti. La settimana dopo, ingresso S. Siro gratuito per la festa scudetto insieme a un'amico del primo gruppo.

1996: stavo insieme a una rompimaroni cui non interessava nulla di calcio. Io contento per i fatti miei, lei quasi scocciata. Nessuno tipo di festeggiamento particolare.

1994: brutto periodo a livello personale. Credo di aver seguito le telecronache in tv e festeggiato a casa in forma "privata"-

1993: non so come mi sono ritrovato con alcuni amici non proprio strettissimi a giare in bicicletta con le bandiere in spalla

1992: onestamente non ricordo.

1988: con il mio migliore amico dell'epoca, anch'esso milanista, a ridere e scherzare la domenica pomeriggio. "In realtà io tifo Napoli, volevo vincessero loro..." la sua battuta più idiota.

1979: avevo un anno e mezzo. Non sapevonemmeno esistesse il calcio.

24 maggio 2022

Milan camp19ne

 Sì, è difficile da leggere. il 9 dovrebbee essere gigantesco tanto che il cerchio risulti essere una "o".

Ed è anche difficile crederci. Dopo aver perso lo scudetto nella scorsa stagione, rischiando per un po' addirittura di uscire dal piazzamento Champions, quest'anno i ragazzi ce l'hanno fatta.

Una squadra creata sulle macerie della gestione Giampaolo (che ricordiamo, ha preso una squadra arrivata a un punto dalla Champions e l'ha conciata come una squadra pronta a retrocedere), che ha saputo ricrearsi, prendere forma e unione di intenti e che con una grande forza di volontà ha saputo sopperire ad alcune lacune (il reparto offensivo) con i suoi punti di forza (la difesa, l'entusiasmo, la sfrontatezza della gioventù, la capacità di rendere al di sopra delle proprie forze).

Godiamoci questa vittoria e riconosciamo il giusto tributo a mister Pioli, criticato e ritenuto inadatto per gestire una grande squadra, che ha saputo ottenere una somma superiore al risultato degli addendi.